Le Vie del Patrimonio

Un progetto di Urban Art di Francesco Garbelli in collaborazione con 5VIE art+design in occasione di Miart & Design Week 2017.

Inaugurazione mercoledì 5 aprile ore 18
6-
8 APRILE 2017


Le vie del Patrimonio è un’ideale Via per Immagini, in cui l’elemento verbale sostituisce l’immagine del luogo o dell’opera. I soggetti non vengono mai proposti nella sua interezza, ma sono mostrati nel dettaglio o ripresi in modo inconsueto per stimolare la curiosità dello spettatore.

Le immagini realizzate da Garbelli sono esposte sia nel formato che nella posizione dove normalmente si trovano le targhe della toponomastica urbana, in modo che l’occhio colga l’indizio e lo contestualizzi nel territorio.

Valorizzare il grande patrimonio storico, culturale, artistico, architettonico, presente nella zona attraverso un intervento di segnaletica urbana che predilige l’immagine, proposta in modo ludico e inatteso. Un intervento che restituisce all’esterno, l’immagine di alcuni luoghi/opere della città, “nascosti”, difficilmente visibili dalla strada, o che mostra monumenti dimenticati da un’insolita un’inquadratura. Una finestra aperta sulla città, attraverso tanti piccoli indizi visivi, indizi di una caccia al tesoro, (dell’arte), presente sul territorio. Perché Milano è una città che non si mette in mostra, anzi spesso cela, forse per eccesso di sobrietà, le proprie bellezze.

Le vie del Patrimonio è un progetto di Arte pubblica, un percorso che si sviluppa nel centro storico più antico di Milano, è una Via per Immagini, sviluppa il concetto che, trattandosi di opere d’arte, si sostituisca l’elemento verbale, (la parola scritta), con l’immagine del luogo o dell’opera stessa. Il soggetto non viene mai proposto nella sua interezza, l’opera non è descritta ma mostrata nel dettaglio o ripresa in modo inconsueto per stimolare l’attenzione, la curiosità dello spettatore. Le immagini sono esposte sia nel formato che nella posizione dove normalmente si trovano le targhe della toponomastica urbana, in questa preziosa anomalia e nel riconoscimento della stessa, l’occhio coglie l’indizio e lo contestualizza nel territorio.

Un approccio diametralmente opposto da quello didattico/didascalico di certa segnaletica turistica esistente, una Poetica della Toponomastica che gioca sull’elemento sorpresa, che stimola gli elementi percettivi, la fantasia, la sfera delle emozioni.

Francesco Garbelli.

FOCUS GARBELLI

Gilda Contemporary Art nuovo spazio milanese per la promozione dell’arte contemporanea sito in via San Maurilio 14, propone in occasione della Design Week 2017un’efficace sintesi della ricerca artistica di Garbelli dal 1990 al 2016,volta a meglio far comprendere al pubblico il criterio di continuità che lega il progetto Le vie del Patrimonio con l’intera poetica dell’artista.
Francesco Garbelli si dimostra essere stato a tutti gli effetti un antesignano della cosiddetta Urban Art, precursore illuminato delle più recenti manifestazioni artistiche del genere.

Cristina Gilda Artese


Si ringrazia Tenuta Amadio (www.tenutamadio.com)